Seleziona una pagina

Ambiente

Il termine Ambiente può avere diversi significati e per questo probabilmente la sua valenza è ancor oggi difficilmente quantificabile.
Il rispetto dell’ambiente, inteso come tutela e salvaguardia degli esseri viventi e del pianeta in cui viviamo è per il geologo il punto cardine della propria etica professionale.
Il boom industriale degli anni ’60, ha portato sicuramente innumerevoli vantaggi, derivati gran parte dall’utilizzo dei combustibili fossili come il petrolio e i suoi derivati; si pensi all’arrivo dell’elettricità, automobili, treni e tutto quello che è più familiare al giorno d’oggi.
Di contro, una carenza normativa iniziale associata alla mancanza di sensibilità nei confronti dell’ambiente, ha fatto sì che una gestione sconsiderata di tali prodotti, rappresenti la principale causa di inquinamento del sottosuolo, acque sotterranee e superficiali.
Il dlgs 22/97, cosiddetto decreto Ronchi prima e il DM 471/99 dopo, sono considerate le pietre miliari in ambito Rifiuti e Bonifica di Siti Contaminati.
Oggi le 2 normative sono state revisionate e unificate in un unico documento, il considdetto Testo Unico per l’Ambiente (TUA) dlgs 152/06 e dalle sue modifiche e integrazioni.
Il TUA attualmente è suddiviso in 6 parti, ciascuna delle quali ha dei sottoparagrafi detti “ Titoli” e quindi in “Articoli”.
Nel documento, la gestione dei rifiuti è affidata alla Parte IV Titolo 1-Titolo 4, mentre il procedimento amministrativo di Bonifica viene trattato dalla Parte IV ai Titoli 5 e 6.
Punto essenziale della parte relativa alle bonifiche è l’introduzione del concetto della prevenzione di un potenziale incidente che possa produrre inquinamento e soprattutto dell’attribuzione delle responsabilità al conduttore dell’attività e quindi “chi inquina paga”

Per quanto riguarda gestione delle terre prodotte nel corso delle attività di escavazione, nel 2017 è stato approvato in via definitiva il dpr 120/2017, il cosiddetto “Terre e Rocce da Scavo”.
Il decreto stabilisce essenzialmente le procedure nonché i tempi attraverso i quali è possibile riutilizzare le terre di escavazione, partendo dal presupposto che l’intera procedura di riutilizzo del materiale di scavo debba essere pianificata (“progettata”) preliminarmente all’inizio delle attività di scavo.

In ambito Ambientale, in accordo con il TU ambientale DLGS152/06 e s.mi., si eseguono:

PIANI DI INDAGINE AMBIENTALI

PIANI DI CARATTERIZZAZIONE

CAROTAGGI AMBIENTALI

MONITORAGGI AMBIENTALI

ELABORAZIONI IDROGEOLOGICHE

PIANI DI MESSA IN SICUREZZA DI EMERGENZA

DIMENSIONAMENTO DI IMPIANTI DI BONIFICA

IMPIANTI DI BONIFICA

MONITORAGGIO ARIA

ANALISI DI RISCHIO

PROFILI GEOLOGICI

ISOFREATICHE

TERRE E ROCCE DA SCAVO

RIFIUTI

In accordo con il TU 81/08 in materia Sicurezza negli ambienti di lavoro, lo Studio è abilitato alla funzione di:

Coordinatore per la Sicurezza (CSP/CSE): viene prodotto il Piano di Sicurezza e Coordinamento “PSC”, indispensabile per il coordinamento di più imprese attive all’interno dello stesso cantier.

Responsabile per la Sicurezza Prevenzione e Protezione dei lavoratori “RSPP”: viene prodotto il documento di valutazione dei rischi “DVR”, indispensabile per una corretta valutazione dei rischi di un lavoratore.

Per richiedere informazioni o un sopralluogo, compila il form di contatto

ACCETTA PER INVIARE

320 462 0946

Facebook

info@geologomassimomagnano.it

Instagram

via Roma, 225 - Spinea (VE)

Linkedin